Avanti ragazzi di Buda

Merci au contributeur : Valentin Wallenstein

À propos :

Chant italien en hommage et en soutien au soulèvement de Budapest de 1956

Partager ce chant :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur pinterest
Pinterest
Partager sur linkedin
LinkedIn

Paroles :

(Refrain) 

Avanti ragazzi di Buda

Avanti ragazzi di Pest

Studenti, braccianti, operai

Il sole non sorge più ad Est!

Abbiamo vegliato le notti

le notti di cento e più mesi,

per l’alba radiosa di ottobre,

quell’alba dei giovani ungheresi.

Ricordo tu avevi un moschetto

su, portalo in piazza, ti aspetto,

nascosta tra i libri di scuola

anch’io porterò una pistola.

Sei giorni, sei notti di gloria

durò questa nostra vittoria;

al settimo sono arrivati

i russi con i carri armati.

I carri ci schiaccian le ossa,

nessuno ci viene in aiuto.

Sull’orlo della nostra fossa

il mondo è rimasto seduto.

(Lentement

Ragazza non dire a mia madre

che io morirò questa sera;

ma dille che vado in montagna

a che tornerò in primavera.

Compagni il plotone già avanza,

già cadono il primo e il secondo

finita è la nostra speranza,

sepolto l’onore del mondo.

Compagno riponi il fucile

torneranno a cantare le fonti

quel giorno serrate le file

e noi torneremo dai monti.

Avanti ragazzi di Buda,

avanti ragazzi di Pest

studenti, braccianti e operai,

il sole non sorge più all’Est

Avanti ragazzi di Buda,

avanti ragazzi di Pest,

studenti, braccianti, operai

il sole non sorge più ad Est !

Suivez-nous sur les réseaux sociaux

Les plus vus

Je veux recevoir les nouveaux chants dans mes emails

Je m'inscris à la newsletter

Aucun spam, juste des chants

Chants similaires